L

a Biblioteca è stata istituita nel 2015, come una naturale estensione delle attività culturali presenti nella Fondazione, che costituiscono il primo nucleo del patrimonio librario; esso rappresenta per la Fondazione uno strumento essenziale per la promozione della cultura del libro e della lettura nel progetto formativo dell’uomo e per la valorizzazione delle risorse umane, storiche e ambientali del territorio. La presenza di una Biblioteca aperta al pubblico nel Territorio dell’Alto e Medio Sele e del Tanagro è un’opportunità per i ricercatori, studiosi e appassionati lettori, che possono accedere alla consultazione di documenti, saggi e ricerche sulla figura di Carlo Levi e i temi del meridionalismo, in un ambiente stimolante e confortevole, diventando un riferimento culturale del luogo. La Biblioteca dal 2019 è registrata all’Anagrafe delle biblioteche italiane della Regione Campania, con l’attribuzione del codice identificativo delle biblioteche: ISIL ITSA0371.

Il patrimonio librario attualmente è costituita da testi dedicati a Carlo Levi e la Questione Meridionale, collane di opere principali di letteratura classica e moderna, letteratura per ragazzi, volumi di Diritto, Storia, Economia, Filosofia, Musica, Audiovisivi, Letteratura Europea Utet, Testi enciclopedici tra cui Treccani con relativi aggiornamenti, foto, litografie, riviste, spartiti, audiovisivi, fumetti, manoscritti, ed altre opere rare e di particolare interesse. E’ previsto il Progetto di Catalogazione in SBN che consentirà di organizzare la Biblioteca per sezioni tematiche.

Se il contenuto reale di un libro é sempre in parte altro da quello che si mostra, come lo è la natura di un uomo sotto le forme fissate del volto, cerchi, se vorrà, il lettore, quel miele, anche a me sconosciuto.

Calro Levi

Sono disponibili per il lettore utente tre postazioni informatiche (di cui due per i diversamente abili), dotate di monitor, tastiera, webcam, mouse lettore CD; software per la visualizzazione di documenti nei formati più diffusi (es. Acrobat Reader); navigazione internet, stampante e scanner.

La missione culturale della Fondazione Luigi Gaeta Centro Studi Carlo Levi, inoltre, si concretizza anche nella messa a disposizione dei frequentatori, di una nutrita gamma di testi di narrativa, saggistica e fonti locali inclusi materiali audio e video. Lo spazio aperto al pubblico misura 100 mq e tra i servizi figurano:
- Accesso WI-FI a internet;
- Consultazione e prestito dei volumi (max 2 libri per 15 giorni);
- Fotocopie e riproduzioni digitali dei documenti;
- Possibilità di stampa;
- Letture, proiezione di film, lezioni di teatro;
- Registrazioni audiovisive di eventi e iniziative della Biblioteca a disposizione dell’utente.